Doudoune Moncler Femme Pas Cher France

Ora per non escluso che decida di monetizzare parte del proprio investimento. Anche i gestori internazionali guardano con ottimismo al futuro del titolo: Ubs ha espresso la raccomandazione con un target price di 14 euro, in linea con le stime di Deutsche Bank, che vede spazi di crescita grazie a una maggiore diversificazione geografica. Mentre Jp Morgan stima un potenziale di rialzo fino a 15 euro.

Tra gli elementi comuni a tutti i segmenti, l’importanza della qualità manifatturiera (il Made in Italy resta al top delle preferenze per Abbigliamento, Pelletteria, Gioielleria, in crescita USA e UK) e quella del digitale, che influenza il 62% di tutti gli acquisti di alta gamma. Cresce il fenomeno del ROPO (Research Online, Purchase Offline), che interviene nel 45% degli acquisti (2013: 38%) e quello dell’Omnichannel: 3 consumatori su 4 vogliono un brand raggiungibile attraverso diversi canali. In Cina sono 9 su 10..

Fra gli altri titoli quotati nel listino allargato, da registrare il balzo del 10,13% fatto registrare dal Sole 24 Ore che prosegue nel suo aumento di capitale.Salgono negli Usa le richieste iniziali di sussidi disoccupazioneLe richieste iniziali di sussidi di disoccupazione negli Stati Uniti sono aumentate di 10mila unità a quota 239,000 nella settimana al 4 novembre. Il dato reso noto dal dipartimento del Lavoro è peggiore delle attese degli analisti che si aspettavano un aumento più modesto a quota 230.000. La medie delle quattro settimane è invece calata la scorsa settimana l’ultima per la quale è disponibile questa statistica di 1250 unità a quota 231,250, il livello più basso dall’inizio della serie statistica nel 1973.

New York viaggia incerta. Gli investitori da un lato digeriscono i dati macroeconomici odierni e dall’altro attendono l’intervento del governatore della Federal Reserve, Janet Yellen. Il dato Adp secondo cui nel settore privato Usa a novembre sono stati creati 217.000 posti di lavoro, oltre i 192mila attesi dagli analisti promettente per il rapporto dell’occupazione del mese scorso che verr diffuso dal governo Usa venerd e che potrebbe convincere la Fed ad alzare i tassi per la prima volta dal 2006 tra un paio di settimane..

Milano, 13 mag. (AdnKronos) Chiusura contrastata per le piazze finanziarie europee con Milano che mette a segno una performance positiva grazie agli indicatori economici che mostrerebbero la fine del periodo di recessione (economia italiana cresce dello 0,3% nei primi tre mesi dell’anno). Due i dati macroeconomici importanti della giornata che hanno offerto indicazioni ai mercati: il Pil dell’Eurozona che aumentato dello 0,4% e le vendite al dettaglio negli Usa che hanno deluso.

Lascia un commento